Placeholder address.
info@optime.it
011 0204111

Iniziative In Programma

Caricamento Eventi

Ammissioni ed esclusioni nelle procedure di gara

Milano, 16 marzo 2017

Hotel Principe di Savoia

Piazza della Repubblica, 17

Contenuti dell’evento
Il nuovo Codice dei contratti pubblici ha compiuto una piccola svolta per quanto concerne le cause di esclusione dalle procedure di selezione del contraente, nel senso di ricondurle entro un numero chiuso, insuscettibile di interventi “ampliativi” da parte delle stazioni appaltanti da un lato, e nel senso di immaginare una selezione articolata per fasi grosso modo rigide, nella quale le impugnative avverso le esclusioni avvengano subito dopo la chiusura della fase di gara dedicata alla delibazione della documentazione prodotta dai concorrenti e prima di procedere oltre nelle operazioni di gara, dall’altro (fermo restando il non esaurimento del potere di esclusione della stazione appaltante nei termini di cui all’art. 80 comma 6).

Oltre alla ridefinizione “in negativo” dei requisiti di ordine generale (ora “motivi di esclusione”), il nuovo articolato normativo che governa il settore degli appalti e delle concessioni ha provveduto a rimodellare l’ambito di discrezionalità delle stazioni appaltanti nell’individuazione dei criteri di selezione(ossia i “vecchi” requisiti speciali) e ha specificato meglio taluni profili del soccorso istruttorio. La novità più significativa tra quelle che vanno a comporre il contenuto tipico della cosiddetta “busta n.1” è tuttavia, senza dubbio, il DGUE, che ha notevolmente semplificato e standardizzato l’attività di preparazione della documentazione amministrativa da parte degli operatori economici.

Di tutti questi aspetti, unitamente alle peculiarità del nuovo contenzioso giurisdizionale sulle esclusioni di cui al novellato comma 2 dell’art. 120 CPA, il convegno fornirà ampia e approfondita trattazione.

Destinatari dell’evento
L’evento formativo è rivolto a Dirigenti e funzionari degli operatori economici che partecipano a procedure di affidamento di appalti pubblici, Direttori Generali, Segretari Generali, Responsabili e esperti delle funzioni appalti, gare, contratti e legale delle stazioni appaltanti, avvocati, commercialisti, consulenti e advisor che operano nell’ambito degli affidamenti pubblici e del relativo contenzioso.

Obiettivi dell’evento
Obiettivo dell’incontro è quello di offrire ai partecipanti un quadro di indicazioni utili ad affrontare adeguatamente la fase dell’ammissione alla procedura di gara, acquisendo adeguata consapevolezza della portata delle innovazioni introdotte dal nuovo Codice e delle prime interpretazioni che la giurisprudenza amministrativa ne sta fornendo.

Milano, giovedì 16 marzo 2017

I “vecchi” requisiti di ordine generale (ora “motivi di esclusione”)
L’art. 80 del Codice e la parte corrispondente (III) del DGUE
La tipizzazione dei reati che determinano l’esclusione
I delitti da cui derivi l’incapacità a contrarre con la PA quale peculiare motivo di esclusione dell’ordinamento italiano
Il III comma dell’art. 80 e il Comunicato Anac 26 ottobre 2016: i soggetti persone fisiche la cui incisione da condanna determina l’esclusione dell’operatore economico
Tempo trascorso il quale la condanna non rileva più quale causa di esclusione
Come interpretare correttamente il comma 10 dell’art. 80: il problema della decorrenza, il raffronto con la previsione del comma 7, art. 57 Direttiva 2014/24/UE (e corrispondente previsione Direttiva 23), i prevedibili adeguamenti nel prossimo Decreto correttivo
Prof. Avv. Luciano Salomoni
Università di Milano Bicocca 

In particolare, le cause di esclusione di cui al V comma dell’art. 80
La lettera c): i gravi illeciti professionali “ante gara”, riconducibili a condotte pregresse, e quelli riconducibili al contegno tenuto nel corso della gara
Le Linee Guida Anac n. 6/2016 e le puntualizzazioni ivi contenute sui “gravi illeciti professionali” (e le osservazioni di cui al Parere reso dalla Commissione Speciale del Consiglio di Stato il 4 novembre 2016)
I gravi illeciti professionali del subappaltatore
I mezzi di prova
La lettera d), il rinvio all’art. 42, comma 2 (e la necessità di una sua lettura coordinata anche con il comma 1 dell’art. 42, con riferimento alla nozione di “risolvibilità” del conflitto di interesse)
Il self cleaning: caratteristiche, modalità di attivazione, operatività in un raffronto tra modello immaginato dal legislatore eurounitario e declinazione interna
Prof. Avv. Luciano Salomoni
Università di Milano Bicocca

Ulteriori profili di possibile esclusione: i commi 2 e 4 dell’art. 80
Misure di prevenzione, tentativi di infiltrazione mafiosa
Le novità in materia di white list contenute nel DPCM del 24 novembre 2016 (pubblicato in G.U. n. 25 del 31 gennaio 2017)
Le gravi violazioni, definitivamente accertate, riguardanti il pagamento di tasse e contributi previdenziali; gli orientamenti giurisprudenziali sul punto
Le gravi violazioni ostative al rilascio del DURC e la regolarizzazione del DURC
La portata dell’art. 83 comma 8, II e III periodo e I limiti alla “creatività” delle stazioni appaltanti nel forgiare nuove cause di esclusione: da ultimo, TAR Sicilia-Catania, Sent. n. 234/2017, in merito alla previsione, nella lex specialis, dell’obbligo di sopralluogo
Prof. Avv. Luciano Salomoni
Università di Milano Bicocca 

I criteri di selezione
I requisiti di idoneità professionale
La capacità economica e finanziaria
L’indicazione nella lex di gara di requisiti minimi di fatturato, di indici della situazione economica e di adeguato livello di copertura assicurativa dell’operatore economico
Le capacità tecniche e professionali
La richiesta all’operatore economico di possedere risorse umane e tecniche e esperienza necessarie ad eseguire l’appalto con adeguato standard di qualità
Condizioni e limiti nella fissazione dei requisiti di ordine oggettivo nella giurisprudenza
La richiesta di possesso delle certificazioni ambientali; l’imprescindibilità delle stesse negli appalti verdi
Funzione e rilevanza di rating di legalità e rating d’impresa
Avv. Antonio Papi Rossi 
Studio Legale Amministrativisti Associati

Il soccorso istruttorio 
Brevi cenni di inquadramento dell’istituto
Il soccorso istruttorio così come delineato nella Legge Delega del nuovo Codice appalti e come successivamente attuato nel Decreto delegato
Le carenze sanabili
La sanzione esigibile e la dubbia legittimità di un soccorso istruttorio “a pagamento”
Opportunità di disciplinare con modalità procedimentali ad hoc, nei regolamenti dell’ente, il procedimento di soccorso istruttorio
È possibile rinunziare al soccorso istruttorio (e alla stessa partecipazione alla gara) al fine di evitare la sanzione?
Irregolarità non sanabili
Problematiche di ordine informatico (TAR Campania-Napoli, Sez. I, Sent. n. 641/17)
Differenze tra irregolarità e falso
Soccorso consistente nella richiesta di integrazioni volte a verificare dichiarazioni rese dall’operatore economico e relativo inquadramento in termini di gratuità o meno
Prof. Avv. Mariano Protto
Università di Torino

La gestione dell’esclusione, dal lato della stazione appaltante e dell’operatore economico
Individuazione dell’organo legittimato a disporre l’esclusione (v. da ultimo TAR Lazio, Sez. I bis, Sent. n. 1194/2017)
Modalità e termini di comunicazione dell’esclusione
Natura del termine di 2 gg. di cui all’art. 29 I comma per la pubblicazione sul profilo del committente del provvedimento che determina le esclusioni (TAR Campania-Napoli, Sez. VIII, Sent. n. 696/2017)
Le esclusioni suscettibili di essere disposte in qualunque fase della procedura
Il nuovo comma 2 dell’art. 120 del CPA e l’obbligo di immediata impugnazione dei vizi relativi all’ammissione e all’esclusione dalla gara; peculiarità del contenzioso scaturente
Prof. Avv. Mariano Protto
Università di Torino

Avv. Antonio Papi Rossi
Studio Legale Amministrativisti Associati

Prof. Avv. Mariano Protto
Ordinario di Diritto Amministrativo
Università di Torino

Prof. Avv. Luciano Salomoni
Professore Aggregato di Diritto Pubblico dell’Economia
Università di Milano Bicocca
Studio Legale Cocco Salomoni

Quota di partecipazione
La quota di partecipazione include la consegna del materiale didattico in formato elettronico, la partecipazione alla colazione di lavoro e ai coffee break, la possibilità di accedere all´area riservata del sito internet e di usufruire dei servizi on line (download del materiale, presentazione dei quesiti e temi di dibattito, ecc.).
Per gli Enti Pubblici la quota di partecipazione è esente Iva ex art. 10 D.P.R. n. 633/72 come modificato dall’art. 14 comma 10 Legge n. 537/93.

Modalità di iscrizione
L’iscrizione si intende perfezionata al momento del ricevimento del modulo di registrazione – da inviare via fax al numero 011.5539113 o via mail all´indirizzo info@optime.it –  integralmente compilato. Il numero dei posti disponibili è limitato e la priorità d´iscrizione è determinata dalla data di ricezione del modulo di registrazione. Si consiglia pertanto di effettuare una preiscrizione telefonica.

Modalità di pagamento
La quota di partecipazione deve essere versata all’atto della presentazione della richiesta di iscrizione e in ogni caso prima dell’effettuazione dell’intervento formativo tramite bonifico bancario intestato a:

Paradigma SpA – Corso Vittorio Emanuele II, 68 – 10121 Torino
c/o Banco Popolare
IBAN IT 78 Y 05034 01012 000000001359

Verrà spedita via mail fattura quietanzata intestata secondo le indicazioni fornite.

Formazione finanziata
La quota di partecipazione all’iniziativa può essere completamente rimborsata tramite voucher promossi dai Fondi Paritetici Interprofessionali. Paradigma offre la completa e gratuita gestione delle spese di progettazione, monitoraggio e rendicontazione.

Attestato di frequenza e crediti formativi
Al termine dell’intervento formativo sarà rilasciato ai partecipanti che hanno regolarmente preso parte ai lavori l’attestato di partecipazione nominativo. Il rilascio dei relativi crediti formativi è subordinato alla approvazione degli Ordini Professionali. E’ possibile consultare lo stato dell’accreditamento presso i diversi Ordini nella colonna a destra in questa pagina, sezione “crediti formativi”.

Diritto di recesso e modalità di disdetta
É attribuita ai partecipanti la facoltà di recedere ai sensi dell’art. 1373 c.c. Il recesso dovrà essere comunicato in forma scritta almeno sette giorni prima della data di inizio dell’evento formativo (escluso il sabato e la domenica). Qualora la disdetta pervenga oltre tale termine o qualora si verifichi di fatto con la mancata presenza al corso, la quota di partecipazione sarà addebitata per intero e sarà inviato al partecipante il materiale didattico. In qualunque momento l’azienda o lo studio potranno comunque sostituire il partecipante, comunicando il nuovo nominativo alla nostra Segreteria organizzativa.

Variazioni di programma
Paradigma SpA, per ragioni eccezionali e imprevedibili, si riserva di annullare o modificare la data dell’intervento formativo, dandone comunicazione agli interessati entro tre giorni dalla data di inizio prevista. In tali casi le quote di partecipazione pervenute verranno rimborsate, con esclusione di qualsivoglia onere o obbligo a carico di Paradigma SpA. Paradigma SpA si riserva inoltre, per ragioni sopravvenute e per cause di forza maggiore, di modificare l’articolazione dei programmi e sostituire i docenti previsti con altri docenti di pari livello professionale.

Per ulteriori informazioni o necessità è possibile contattare la Segreteria organizzativa al numero 011.0204111 o all’indirizzo di posta elettronica info@optime.it.

Quota aula

€1050 + Iva

Early booking 
Inviando la scheda di iscrizione entro il 23 febbraio per l’edizione di Milano sarà riservata una riduzione del 20% sulla quota di partecipazione.

Crediti formativi
É stata presentata richiesta di accreditamento presso vari ordini professionali.

Formazione finanziata
La quota di partecipazione all’iniziativa può essere completamente rimborsata tramite voucher promossi dai Fondi Paritetici Interprofessionali. Optime offre la completa e gratuita gestione delle spese di progettazione, monitoraggio e rendiconto.


I campi con (*) sono obbligatori

Dati relativi all'evento

Dati relativi al richiedente

Dati per eventuale partecipante under 35

Dati per la fatturazione elettronica

  Split Payment:
Si
No

Per informazioni contattare


L'iscrizione all'evento formativo si intende perfezionata al momento del ricevimento, da parte di Paradigma SpA, del presente modulo di registrazione compilato in ogni sua parte, stampato, firmato e inviato via e-mail all'indirizzo info@optime.it. Riceverete via email conferma dell'avvenuta iscrizione.


I dati forniti a Paradigma SpA sono raccolti e trattati, con modalità anche informatiche, esclusivamente per evadere la Sua richiesta di partecipazione all’intervento formativo e svolgere le attività a ciò connesse. I dati potranno essere trattati, per conto di Paradigma SpA, da dipendenti e collaboratori incaricati di svolgere specifici servizi necessari all’esecuzione delle Sue richieste. Il conferimento dei suoi dati, pur essendo facoltativo, si rende necessario per l’esecuzione del servizio richiesto. Solo in caso di Sua autorizzazione i dati saranno inoltre conservati e trattati da Paradigma SpA per effettuare l’invio di materiale informativo relativo a prossime iniziative di Paradigma SpA. Lei potrà esercitare i diritti sanciti agli artt. 15 – 22 del Regolamento (UE) 2016/679 inviando una richiesta scritta a Paradigma SpA con sede in Torino, C.so Vittorio Emanuele II, 68, tel. 011.538686, fax 011.5621123. Letta l’informativa, acconsente all’utilizzo dei dati inseriti nel presente modulo per l’invio del materiale informativo?
Mod.3.4 rev. 3 del 30/11/2018

Data

16 marzo 2017

Orario

9.00 – 13.30 14.30 – 18.00

Sede

Milano, 16 marzo 2017
Hotel Principe di Savoia
Piazza della Repubblica, 17

Organizzatore

Angela Siniscalchi
Telefono
011 02 04 111
Email
asiniscalchi@paradigma.it

ISCRIVITI

Condividi