Placeholder address.
info@optime.it
011 0204111

ANAC: aggiornamento 2018 del PNA (quasi) al traguardo

ANAC: aggiornamento 2018 del PNA (quasi) al traguardo

L’Autorità Nazionale Anticorruzione (A.N.AC.) ha posto in consultazione pubblica l’Aggiornamento 2018 del Piano Nazionale Anticorruzione.

Il termine di scadenza della consultazione è fissato al 15 novembre 2018.

Il PNA, come noto, rappresenta l’atto di indirizzo rivolto alle PP.AA. e a tutti gli enti soggetti, in varia misura, alla l. n. 190/2012 recante le indicazioni per l’implementazione dei sistemi di controllo interno e trasparenza nell’ottica del contrasto ai fenomeni corruttivi e di maladministration.

La bozza di PNA contiene importanti indicazioni sui risultati del monitoraggio svolto dall’A.N.AC. sul campione estratto, che riguarda anche le società in controllo pubblico.

L’attenzione della parte speciale del provvedimento, in questa occasione, è dedicata a:

  • Agenzie fiscali
  • Gestione dei fondi strutturali e per le politiche di coesione
  • Gestione dei rifiuti
  • Semplificazioni per i piccoli comuni

Per la predisposizione degli approfondimenti, come avvenuto negli anni passati, l’Autorità ha costituito appositi tavoli tecnici ai quali hanno preso parte le amministrazioni direttamente interessate e i principali operatori dei settori coinvolti.

Con l’obiettivo di supportare l’operato degli RPCT, Optime ha organizzato a Roma il 13 e 14 novembre 2018 e a Milano il 20 e 21 novembre 2018 due giornate di studio sul Responsabile della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza (RPCT).

Nel corso della prima giornata saranno affrontate, in via trasversale, le funzioni e le azioni riconducibili alla figura del RPCT, i rapporti tra il medesimo e i vari soggetti interni ed esterni all’Ente di appartenenza, le tecniche di monitoraggio e di rendicontazione nonché il governo della trasparenza amministrativa, anche per ciò che concerne l’accesso civico – semplice e generalizzato – focalizzando l’attenzione sulla best practice di riferimento e sulle criticità più ricorrenti.

La seconda giornata sarà dedicata ad uno studio mirato degli adempimenti anticorruzione e trasparenza articolato secondo le principali aree di rischio individuate dalla prassi di ANAC (contratti pubblici, personale, provvedimenti ampliativi, incarichi e nomine, gestione di entrate, spese e patrimonio, etc.), nell’ottica di individuare misure immediatamente replicabili nei diversi sistemi di controllo interno e di ottimizzare le procedure di monitoraggio e verifica di efficacia dei presidi già in essere.

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.